Il nostro sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare consideriamo accettato il loro utilizzo – per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy

News

martedì 2 giugno 2015
Oggi vi vogliamo parlare di uno dei nostri produttori, Corticelli, panificio-macelleria presente nel territorio bergamasco da quattro generazioni. Bontà e qualità, ma anche prodotti tipici del territorio: il formaggio branzi e la bresaola orobica.
mercoledì 25 marzo 2015
Orecchiette Senatore cappelli al profumo di pomodoro e basilico con spada e stracciatella di bufala. Linguine al limone con mazzancolle e pistacchio di bronte. Buon Appetito!
pagina 1 di 7 >
13/02/2015

VINO E STOMACO: UN CONNUBIO (QUASI) SEMPRE PERFETTO.

A molti sarà capitato di avvertire dolori e bruciore di stomaco dopo aver bevuto del vino. Questo accade perché, quando il vino raggiunge lo stomaco, stimola la produzione di succo gastrico che facilita la digestione di grassi e proteine e mantiene il pH dello stomaco a valori molto acidi (inferiori ad 1). Persone che producono notevoli quantità di succo gastrico sono più soggette a disturbi gastrici transitori, soprattutto se la quantità di alcol assunta è eccessiva. Altre persone particolarmente sensibili potrebbero avvertire fastidi a livello gastrico anche assumendo quantità minime di vino.

A concorrere all’aumento di acidità nello stomaco è anche la velocità con cui viene bevuto il vino. Se viene ingerito velocemente, inibisce l’attività degli ormoni che stimolano la produzione di succo gastrico, così da non favorire il tempo necessario per creare un ambiente acido nello stomaco. A questo punto, lo stomaco non è pronto a svolgere la sua attività di digestione e la persona avverte una sensazione di gonfiore nello stomaco e stanchezza.
 
CONSIGLI:
•   Bere vino mentre si mangia evitando di rimanere a stomaco vuoto
•   Reintegrarsi di liquidi per ristabilire il giusto equilibrio di acqua e sale
•   Assumere un pezzetto di zenzero può aiutare a calmare lo stomaco

Prodotti in evidenza